Cosa fare

Contattate direttamente l'Impresa Salmoiraghi al numero 0331 544025 oppure al numero verde 800 911 976. Un nostro responsabile vi raggiungerà nel più breve tempo possibile. L'impresa si occuperà di tutte le pratiche burocratiche e amministrative.

  • Primo contatto

    Avvisare l'impresa Salmoiraghi chiamando lo 0331 544025. L'impresa si occuperà di tutti gli adempimenti e delle pratiche burocratiche e amministrative.

  • Decesso in abitazione

    Bisogna tenere presente che:

    - Se il decesso avviene in abitazione si dovrà chiamare il medico curante che accerterà il decesso, indicandone le cause sull'apposito modulo ISTAT.

  • Decesso in una struttura sanitaria

    - Se il decesso avviene in ospedale, in un istituto di cura o in una RSA, alla certificazione provvederà la direzione sanitaria.

  • Decesso in luoghi pubblici

    - Se il decesso avviene per causa violenta o improvvisa, per strada, in luoghi pubblici, o in caso di persone che vengono rinvenute morte, è necessario avvisare l'Autorità Giudiziaria, tramite il 112 o il 113, la quale dopo gli accertamenti del caso potrebbe ordinare il trasferimento del cadavere in obitorio per eventuale autopsia.

  • Cremazione

    La cremazione non sottrae aree al territorio perché riduce gli spazi destinati ai cimiteri; l'urna occupa uno spazio minimo (200 urne in luogo di 4 bare). La cremazione evita l'inquinamento dei terreni e delle acque ed è quindi un rito da raccomandare per la sua igienicità nei confronti delle inumazioni o delle tumulazioni in tombe o loculi.

    La cremazione, un tempo gratuita, ora è a pagamento, a carico dei familiari del defunto (Legge N. 26/2001 art. 1).

    La cremazione non rappresenta la volontà di spendere poco ma è un'evoluzione nel costume e nelle scelte. Attualmente la cremazione è un rito ammesso anche dalla Chiesa Cattolica e quindi non vi è più nessuna preclusione di indole spirituale nei suoi confronti da parte di cittadini cattolici.

    Affinchè venga rispettata la volontà che la propria salma venga cremata è sufficiente dirlo ad un parente che al momento del decesso sottoscriverà un atto di notorietà in cui dichiarerà che la persona, in vita, aveva espresso il suddetto desiderio. I parenti che possono dichiarare questa volontà sono quelli indicati nell'Art. 433 del Codice Civile: il coniuge, i discendenti o gli ascendenti fino al secondo grado di parentela, i figli (tutti), i nipoti (tutti), i genitori o i nonni.

    In alternativa è possibile iscriversi, in vita, alla SOCREM di Varese, con una quota di 10 Euro annuale, presentando una domanda scritta che verrà depositata presso la SOCREM. Tale domanda, firmata dall'interessato e accompagnata dalla fotocopia di un documento di identità valido, riporta la volontà di essere cremati e, in caso di morte, avrà valore pari ad un testamento. La Società Varesina per la Cremazione assicurerà il rispetto delle vostre volontà in caso di morte.

  • Sistemazione della salma

    I parenti dovranno inoltre decidere circa la sistemazione della salma tra queste tre possibilità:

    L' inumazione consiste nel collocare la salma nella nuda terra con la sola cassa di legno.

    La tumulazione consiste nel collocare la salma, con la doppia cassa di legno rivestita all'interno di zinco, in un manufatto, solitamente di cemento armato o mattoni, concesso dal Comune per un numero definito di anni che può variare in relazione ai diversi regolamenti comunali.

     La cremazione consiste nella combustione della salma presso un apposito forno. Le ceneri derivanti dalla cremazione potranno essere raccolte in un'urna e poste in una tomba di famiglia, in un loculo assieme alla salma di un parente, oppure si potranno spargere o potranno essere conservate nell’abitazione di un parente.